Alla presenza dell’Arcivescovo di Milano Card. Angelo Scola, del Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e del sindaco di Milano Giuliano Pisapia è stato inaugurato il restauro della Chiesa di San Gottardo in Corte grazie all’opera della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

Il 5 maggio 2015, nel giorno dedicato a San Gottardo, nove mesi esatti dall’inizio dei lavori la Cappella Palatina è nuovamente restituita alla città, uno scrigno di Milano si rivela in tutta la sua bellezza.

gregorio21E’ stata la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano ad avere l’audacia di farsi avanti e a dichiarare la volontà di ridonare restaurata la Cappella Palatina alla città. Le ragioni di questo traguardo hanno prevalso sulle difficoltà. Infatti, era necessario ridare nuova vita a questo scrigno di fede, dopo aver cercato le prime radici cristiane della comunità ambrosiana attorno alla piazza, ripercorrendo il cammino già tracciato dal recupero dei resti delle antiche basiliche di Santa Tecla e di Santa Maria Maggiore, del Battistero di Santo Stefano, dove il 30 novembre 374 molto verosimilmente fu battezzato l’eletto vescovo Ambrogio e il Battistero di San Giovanni alle Fonti, dove nella Veglia Pasquale del 387, Agostino ricevette il battesimo dalle mani di Ambrogio.

Quando il Consiglio d’Amministrazione della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano approvò il grande restauro della Chiesa di San Gottardo in Corte vi era la forte preoccupazione di completare l’intervento in tempo per Expo, poiché questo importante cantiere si aggiungeva agli altri diciotto già in opera sul Monumento. Sottoscrivendo il protocollo di convenzione siglato il 17 marzo 2014 con il Comune di Milano e con l’Arcidiocesi di Milano, la Fabbrica, con serena determinazione, ha risposto prontamente a questo appello. Si è messa in movimento e, partendo dalle fondamenta, ha plasmato una “metamorfosi” impensabile in poco meno di nove mesi di lavoro. Affrontare una responsabilità così importante in pochi mesi significava avviare la grande macchina del Cantiere Duomo per giungere al restauro totale della chiesa partendo proprio dalle sue fondamenta, con l’inevitabile scoperta di testimonianze dal passato che ha comportato la realizzazione di scavi archeologici effettuati in collaborazione con la competente Soprintendenza. Per evitare di fermare il cantiere, si è realizzato un ponteggio a sbalzo che ha permesso una continuità ininterrotta dei lavori, consentendo di operare contemporaneamente su differenti livelli. Un intervento realizzato da un operaio infaticabile che opera da quasi sette secoli: la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano. Dalle pareti annerite ecco riemergere la decorazione a stucco veneto con delicati colori neoclassici; da un pavimento sofferente ecco spuntare una nuova bellezza, dai molteplici segni di questo spessore storico, tra cui l’affresco di scuola giottesca raffigurante la Crocifissione, ecco svelarsi segreti tesori in apparenza scomparsi.

L’intervento di restauro dell’affresco, che comporta un lavoro molto lungo e delicato, oggi in fase di ultimazione, permette ai visitatori di confrontare le diverse fasi dell’opera, cogliendo tutta la bellezza della parte già completata e di quanto resta ancora da terminare. Ogni giorno, ha donato la riscoperta di emozioni celate dal tempo: la chiesa ritrovava una luce splendida e riaffermava la sua naturale dimensione luogo così fortemente legato alle radici della città nel contesto di Palazzo Reale. Questo restauro, che completa il grande riallestimento del Museo del Duomo inaugurato il 4 novembre 2013 sanando una ferita nel cuore del Palazzo, è anche il risultato della continua collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici. Con questo ulteriore intervento, la Veneranda Fabbrica afferma la sua naturale capacità di garantire la fruibilità quotidiana del Monumento a milioni di visitatori, portando con sé i valori della propria storia e dell’accoglienza. Chi lavorava all’interno del cantiere, viveva l’emozione di una chiesa sempre più vicina al Duomo: la stretta Via Palazzo Reale permetteva a tutte le maestranze, agli operai e ai restauratori di percepire la dimensione di San Gottardo e del suo bellissimo campanile, da secoli osservatore silenzioso della città, in un contatto diretto con la grande Cattedrale milanese.

161 COMMENTS

  1. Please let me know if you’re looking for a writer for your weblog.

    You have some really great posts and I feel I would be a good asset.
    If you ever want to take some of the load off, I’d
    love to write some material for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoot me an e-mail if interested. Kudos!

  2. Pretty part of content. I just stumbled upon your
    site and in accession capital to say that I get actually loved account your weblog posts.

    Any way I’ll be subscribing for your feeds and even I success you access consistently
    fast.

  3. Hey! This post could not be written any better! Reading through this post
    reminds me of my previous room mate! He always kept chatting about
    this. I will forward this page to him. Fairly certain he will have a
    good read. Many thanks for sharing!

  4. Hello there, I discovered your blog via Google whilst looking for a comparable subject,
    your website came up, it seems good. I’ve bookmarked it
    in my google bookmarks.
    Hi there, just changed into aware of your weblog through Google, and found that it is truly informative.

    I am gonna be careful for brussels. I will be grateful in case you proceed this in future.
    Lots of folks will probably be benefited from your
    writing. Cheers! quest bars https://www.iherb.com/search?kw=quest%20bars quest bars

  5. Hey there! I’ve been following your website for some time now and finally got the courage to go ahead and give you a shout out from Atascocita Tx! Just wanted to tell you keep up the great work!|

  6. I’ll immediately grab your rss feed as I can not in finding your email subscription link or newsletter service. Do you have any? Kindly let me know so that I may just subscribe. Thanks.|

  7. May I simply say what a relief to discover somebody who genuinely knows what they’re discussing on the internet. You certainly understand how to bring an issue to light and make it important. More people really need to check this out and understand this side of the story. I was surprised you’re not more popular since you surely possess the gift.|

  8. Thanks , I have recently been searching for info about this topic for a long time and yours is the best I’ve came upon so far. But, what in regards to the conclusion? Are you certain concerning the supply?|

  9. I was curious if you ever considered changing the structure of your site? Its very well written; I love what youve got to say. But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better. Youve got an awful lot of text for only having 1 or 2 pictures. Maybe you could space it out better?|

  10. Nice post. I was checking constantly this blog and I’m impressed! Extremely useful information specially the final phase 🙂 I care for such info much. I used to be looking for this certain info for a long time. Thanks and best of luck. |

  11. Hi there! This article could not be written much better!
    Looking at this article reminds me of my previous roommate!
    He continually kept talking about this. I am going to
    send this post to him. Pretty sure he’ll have a very good read.
    I appreciate you for sharing!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here