Mi sono bastati 27 minuti del primo episodio per mettere in pausa e scrivere questa recensione, stabilendo unilateralmente che The Get Down è la Serie TV più bella del 2016. Altro che Stranger Things.


I primi 27 minuti di The Get Down mi ha fatto sentire letteralmente i brividi. Non è mai successa con nessuna serie tv. Molti dei miei coetanei nostalgici degli anni ’80/’90 hanno perso la testa per un’altra noiosissima e banalissima serie horror quale Stranger Things, quando la testa c’è da perderla per The Get Down, signori. In 27 minuti ho visto la New York anni ’70, la New York di fine anni ’90 e brani a cappella di poderosissime voci nere. Non sono un cultore dell’hip hop, non mi è mai piaciuto, ma The Get Down vi farà innamorare delle parole di Ezekiel Figuero, adolescente del South Bronx promettente scrittore e paroliere, che esprime il dolore per la perdita dei genitori tra bozze di hip hop e poesie. Una di queste, dedicate alla madre morta ammazzata, è un pugno nello stomaco di emozioni.
La serie mostra nei primissimi minuti un ritmo serrato, musica dell’epoca ed immagini originali e filtri AGFA riescono nei viaggi del tempo in cui Stranger Things non è riuscita. Scene quasi teatrali e ricostruzioni della New York dell’epoca, rendono il tutto scorrevole e frizzante. Non esistono tempi morti ma le emozioni decisamente non mancano, grazie alla capacità degli sceneggiatori di sferrare pugni di emotività e innescare empatia nello spettatore.

the-get-down-netflix-video-trailer-italiano-jaden-justice-smith-recensione

The Get Down presenta personaggi non proprio sconosciuti: curata da Baz Luhrmann (Romeo + Giulietta, The Great Gatsby e Moulin Rouge non vi dicono niente?)  e Stephen Adly Guirgis, racconta la difficile vita di giovani afroamericani, tra i quali il protagonista Ezekiel (Justice Smith). Da segnalare la presenza di Jaden Smith e Giancarlo Esposito che ha brillato (nel vero senso della parola) nella serie tv per eccellenza Breaking Bad.

In conclusione, non precludetevi la visione di questa serie perché non siete amanti del rap. The Get Down è un perfetto connubio tra ottima musica – non solo hip hop – storia, emozioni e lotta per i propri sogni o obiettivi. Insomma è una serie perfetta per gli amanti della musica, di New York e per chi, nonostante l’età, ha ancora qualche sogno nel cassetto.

Stranger Things un cazzo.

Share Button

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here