[notification type=”notification_mark” ]
UPDATE 22 FEBBRAIO 2017: 

LA SECONDA STAGIONE SI FARA’! 
Missione compiuta, la seconda stagione di Travelers si farà, Netflix e la canadese Showcase hanno rinnovato per una seconda stagione ed è stato confermato Eric McCormack come protagonista della serie che si è rivelato entusiasta per il proseguimento dello Show. Secondo il sito Deadline le riprese cominceranno a marzo.[/notification]

TRAVELERS: LA RECENSIONE DELLA SERIE TV CANADESE SU NETFLIX

Prendete Ritorno al Futuro, Avatar, Matrix, un pizzico d Terminator, frullate il tutto ed ecco servito Travelers.
Dei viaggiatori del tempo prendono possesso del corpo di persone del XXI° secolo destinati a morire per portare a termine una serie di missioni con lo scopo di salvare il mondo da catastrofi e guerre.
Niente di nuovo e a parte qualche buco nella trama, i personaggi hanno le loro storie costruite ad hoc e tralasciando i momenti morti in cui si usano paroloni pseudoscientifici per giustificare espedienti narrativi assurdi, Travelers riesce ad incollare lo spettatore dal primo all’ultimo episodio, complici cliffhanger moralmente illegali e un cast per metà sconosciuto ai più (i principali attori hanno poche centinaia di follower, incredibile) ma efficace.

Giunta nel XXI° secolo, anzi, su Netflix il 23 dicembre, Travelers non ha riscontrato al momento un importante impatto. La serie canadese il cui cast è costituito da elementi preparati e convincenti – su tutti spiccano le doti recitative di Nesta Cooper (Carly) e MacKenzie Porter (nei panni di Marcy) – non trova un leader carismatico in Eric McCormack che, nonostante la pluriventennale esperienza nelle Serie TV (lo avete già visto in Will&Grace) la sua interpretazione monoespressiva non buca lo schermo.

SI’, MA LA SECONDA STAGIONE?

Travelers merita di essere rinnovato una seconda stagione perché con il cliffhanger conclusivo ha lasciato troppe domande irrisolte e creato numerose aspettative. Il cast merita una crescita – anche recitativa – per i personaggi che interpretano in maniera adeguata. Al momento purtroppo non sembra esserci niente di certo, probabilmente perché prima di investire in una seconda stagione sicuramente più accattivante e con una maggior cura di effetti speciali, Netflix voglia assicurarsi di offrire un prodotto con una domanda importante.
Al momento però a giudicare dai social, (anche a causa delle vacanze natalizie), l’hype non è alto e nemmeno il coinvolgimento, con il rischio che Travelers si fermi alla prima stagione proprio come la sfortunata sci-fi anch’essa oggetto di viaggi nel tempo Terranova firmata Steven Spielberg.

Share Button

4 COMMENTS

  1. Ho avuto la risposta che cercavo: la stagione termina “…lasciando troppe domande irrisolte”. Da Lost ho imparato qualcosa: abbandono dopo la seconda puntata.

    • Il cliffhanger è un’espediente per incollare lo spettatore, ti consiglierei di dargli una possibilità, qualora dovessero confermarne una seconda stagione

      • In generale detesto il cliffhanger. Molto spesso lo percepisco come una presa in giro. Se la storia è solida non serve crearmi la suspense a fine episodio. Tanto più se ho tutte le puntate della serie a disposizione.
        Mi piace ancora meno quando viene usato nel finale di stagione. Tra una stagione e l’altra si perde la tensione e non si arriva mai al piacere. E tutto questo, ovviamente, a discapito della storia, che viene subordinata all’espediente narrativo. Se poi ci aggiungiamo che le serie si prolungano in base agli ascolti, giocoforza una serie basata sul cliffhanger avrà una pessima “ultima stagione” (e forse pure la “penultima”). Almeno, questo è il mio parere.

  2. Ho cominciato a vederla e sono arrivato all’episodio 8, carina, ma mi sembra che dopo l’episodio 6 si sia tutto un po’ arenato in situazioni per allungare il brodo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here