Si terrà il 13 giugno alle 18.30 alla Leica Galerie di Milano la mostra dal nome eloquente Arctic Sea Level di Simone Bramante, meglio noto come Brahmino, pseudonimo usato dal fotografo su Instagram il cui account conta oltre 800 mila follower.

La mostra mette in esposizione una serie di scatti realizzati nell’estate del 2016 nel corso di una spedizione chiamata The Generation Arctic” nell’Artide Canadese su invito dell’astronauta canadese Chris Handfield.

Il viaggio è stato fatto su un rompighiaccio di origine russa, completato nel 1981 e chiamato Kapitan Khalebnikov͟, il primo a circumnavigare l’Antartide negli anni ’90 con passeggeri a bordo.

Ogni giorno venivano organizzate escursioni con gommoni ed elicotteri così da poter ammirare da vicino e dall’alto la bellezza dei fiordi distendersi sulla costa. Durante la prima parte del viaggio è stata esplorata la parte costiera delle località occidentali della Groenlandia, da cui poi sono stati esplorati importanti siti archeologici, dove il gruppo ha passato profondi momenti di riflessione e ne ha approfittato per ricaricare le batterie. Le ultime due escursioni sono senz’altro state le più indimenticabili: desolazione pura. Nient’altro che neve e ghiaccio ovunque, è stato questo il momento in cui hanno visto il Kangia, fiordo ghiacciato presso Lulissat, dichiarato Patrimonio dell’Unesco nel 2004, affetto da uno scioglimento in rapido aumento con il passare degli anni. Un fenomeno che ha impressionato Simone, facendolo riflettere su quanto sia difficile percepire il cambiamento climatico dall’altra parte del mondo.

Una mostra da non perdere, per prendere coscienza sugli effetti disastrosi del cambiamento climatico, specie in questo periodo che la politica estera ha riportato alla luce recentemente.

Share Button

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here