Vi avviso subito: è una delle nostre solite recensioni atipiche e potrebbero esserci diversi spoiler. Se non hai visto ancora The Defenders, muoviti e smetti di leggere questo post.

 

THE DEFENDERS: UN GODIBILE INTERMEZZO IN ATTESA DEI SEQUEL DELLE SINGOLE SERIE
Partiamo con il fatto che la serie è troppo lenta nell’evolversi della trama, come del resto lo erano anche tutte le altre serie incentrate sui singoli personaggi, ovvero Daredevil, Jessica Jones, Iron First e Luke Cage quest’ultima davvero lentissima da spavento. In ognuna di esse però spiccavano elementi chiave di alta qualità come la fotografia (specialmente in Luke Cage) e coreografia, come in Daredevil, di cui il piano sequenza di botte da orbi della prima e seconda serie sono ancora impresse nel mio cuore.
Nella serie The Defenders dobbiamo fare i conti con 8 episodi di lunghezza variabile (dai 40 ai 50 minuti) la cui trama è curata nei minimi dettagli (merito degli scrittori, gli stessi di Daredevil GRAZIE SIGNORE GRAZIE), le interpretazioni sono di alto livello, il casting si conferma eccezionale e ritroviamo nei protagonisti un’alchimia unica, e poi… C’è Flinn Jones, l’attore che interpreta Danny Rand. Se i The Defenders fossero una squadra di calcetto a 4, Flinn Jones è l’amico sfigato che chiamiamo quando un uomo ha dato forfait all’ultimo secondo e qualcuno dovrà pur pagare una parte di quota. La parte da piangina che interpreta e il viso corrucciato come se afflitta da una paresi, non aiutano, ma gli vogliamo bene lo stesso, è uno di famiglia, ormai.
Miliardari dal pugno brilloso (cit) a parte, i punti di forza della serie sono le interpretazioni femminili, specie con l’ingresso in campo di Sigourney Weaver. Magistrale l’attrice che interpreta Elektra, che deve fare i conti con il suo comportamento borderline, la certezza di Rosario Dawson (non riesco più a vedere un film o una serie tv senza aver paura che sbuchi Claire a fare l’infermierina) e l’adorabilmente odiosa vecchia bastarda di Madame Gao.

Nella sostanza, SUPERSPOILER i Vendicatori Uniti i Defenders insieme li troviamo solo al quarto episodio. Cioè a metà serie. Un po’ come se dovessimo arrivare a metà stagione per vedere una squadra di calcio completa.  L’evolversi della trama non permette quindi una godibile scazzottata a cui siamo abituati come nei già citati Avengers e, in tutta franchezza, in una serie supereroistica, una superscazzottata come Odino comanda è ciò che più ci si aspetta. Ma i quattro SUPERSPOILER 2 non sono mai veramente uniti, nemmeno nei momenti clou e in The Defenders è stata curata più la trama che l’effetto Wow! La fotografia non è una delle caratteristiche che convince in questa serie, specie nelle coreografie. I combattimenti sono sempre e solo al buio e durano davvero poco. Anche in Daredevil erano principalmente al buio, ma la fotografia aiutava nella comprensione delle lotte In The Defenders non si capisce se Luke Cage sta picchiando Jessica Jones o Bruce Wayne su Rete 4. Complici anche le ambientazioni scelte per assecondare la trama, la fotografia e la coreografia ti disegnano in faccia un’insoddisfazione alla Dario Cassini:


E’ comprensibile che sia difficile gestire quattro primedonne, ma se ci sono riusciti con gli Avengers in Civil War (a proposito, in Infinity War ci saranno altri personaggi tutti insieme, aiuto!) perché non sarebbero dovuti riuscirci con il quartetto newyorkese?
Tuttavia The Defenders non è una serie da buttare. E’ godibile e le circa 8 ore scorrono via (sigh!) troppo velocemente e ti aspetti, molto, molto di più. Nella speranza che un’eventuale seconda serie faccia più fuochi d’artificio, ci si può accontentare di questo buon esperimento, confidando che le lacune possano essere migliorate con il tempo.
Mentre per Iron Fist c’è poco da fare. A meno che non ci si organizzi per fare una colletta e regalare un corso di recitazione a Finn Jones, o sperare che finalmente indossi una maschera come la controparte del fumetto.

Share Button

CONTATTACI

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

© 2017 - NewsGate - Tutti i diritti riservati - Powered by: RCNetwork.it 

or

Log in with your credentials

Forgot your details?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi